Forex: come fare un’analisi tecnica

Scritto da Chiara | Trading - Forex

Forex: come fare un’analisi tecnica

Come decidere su quale coppia di valute investire? Da dove partire per comprendere qual è l’investimento migliore? Vediamo le basi dell’analisi tecnica nel mercato del forex

Il forex è un mercato in forte espansione e gli investitori che si affacciano ad esso sono sempre di più. Molti sono anche i traders inesperti che perdono gran parte del loro investimento, dal momento che non conoscono le basi del forex ed il funzionamento del mercato.

Per investire su un titolo è però necessario conoscere le basi del forex, in modo da fare un’analisi tecnica (anche solo di base) e scegliere l’investimento migliore. Per decidere il titolo su cui investire si dovrà infatti capire in che modo si muoverà il mercato. L’analisi tecnica si basa sullo studio della domanda e dell’offerta in modo da determinare il trend, ossia l’andamento del mercato e del prezzo.

Comprendere le basi dell’analisi tecnica è quindi il modo migliore per evitare di fare grandi errori e per capire in che direzione si muoverà il mercato. Si sconsiglia vivamente di lanciarsi in questi investimenti senza aver prima approfondito (o almeno avere delle basi) la materia. Vediamo insieme i fondamenti per l’analisi tecnica e le basi per capire gli argomenti più complessi del mercato del forex.

Forex, analisi tecnica: cos’é e perché è importante

L’analisi tecnica serve a valutare l’asset su cui si vuole investire; non è una scienza esatta, ma è il modo più utilizzato dai traders per capire in che momento e su quale asset investire. La valutazione avviene tramite l’analisi dello storico degli andamenti del mercato, il volume dei prezzi e i cambiamenti del valore. L’analisi tecnica cerca di capire l’andamento futuro del mercato, attraverso lo studio di grafici e strumenti per indicare il pattern. La differenza con l’analisi fondamentale è proprio lo studio dello storico del prezzo.

Gli strumenti per affrontare questa analisi dipendono dall’investitore, alcuni utilizzano i pattern, altri invece preferiscono affidarsi a indicatori e oscillatori, altri ancora invece utilizzano entrambi. Ciò che interessa per fare bene questo tipo di analisi sono i dati storici, in modo da comprendere in che modo si muoverà il mercato.

Forex, analisi tecnica: 3 assunti fondamentali

L’analisi tecnica si basa su 3 fondamenti che sarà necessario seguire per riuscire ad ottenere dei risultati. I tre passaggi sono:

  1. considera solo l’andamento del prezzo: questa è una delle critiche che viene mossa a questa analisi. Questo tipo di analisi infatti non prende in considerazione i fattori fondamentali, ma si analizzano solo il cambiamento di prezzo. Questo deriva dal fatto che questa analisi ritiene che il movimento del prezzo delle valute racchiuda al suo interno anche i fattori fondamentali;
  2. prezzo e trend: secondo l’analisi tecnica l’innalzamento o l’abbassamento del prezzo segue il trend del mercato. La maggior parte delle analisi tecniche si basano proprio su questo: il movimento futuro del prezzo ha una maggiore possibilità di seguire quello del trend, piuttosto che andare in senso opposto;
  3. ciclicità del mercato: come per la storia anche nel mercato azionario quello che è già avvenuto una volta potrebbe avvenire anche in futuro. Secondo l’analisi tecnica infatti l’andamento dei prezzi è ciclico e si può ripetere nella storia.

Forex, analisi tecnica: come funziona?

Per poter iniziare con analisi tecnica si devono conoscere e saper analizzare quattro fattori, che servono per ottenere le informazioni necessarie al nostro esame. Queste nozioni imprescindibili sono:

  • analisi del trend: la direzione che assume il prezzo. Purtroppo il trend non è semplice da individuare, ma grazie a strumenti e teorie precise si possono analizzare nel dettaglio i vari andamenti;
  • supporti e resistenze: sono i livelli che spingono i traders a comprare o vendere. Grazie all’analisi di essi si può riuscire a capire l’andamento del trend e soprattutto se esso sta invertendo la rotta e si sta per invertire;
  • medie mobili: sono uno strumento di analisi che permettono di l’andamento dei prezzi nel tempo. Grazie ad essi possiamo capire non solo l’andamento passato, ma cercare anche di prevedere i movimenti futuri;
  • bande di bollinger: grazie ad esse si può calcolare la media mobile e poi proiettarla su due diverse proiezioni standard, al di sopra e al di sotto della media mobile stabilita. In questo modo si riesce ad evitare di vendere o comprare nel momento sbagliato.