Tipi di grafici del Forex: linee, barre e candele

Scritto da Marco | Forex - Trading

Tipi di grafici del Forex: linee, barre e candele

Guida ai grafici del Forex: quali sono le varie tipologie di grafico utilizzate nel Forex, come si costruiscono e come si analizzano.

I grafici sono un elemento base per operare sul mercato del Forex e non solo. I grafici sono lo strumento attraverso il quale gli analisti finanziari possono studiare l’andamento dei mercati. Allo stesso tempo i grafici sono alla base di ogni piattaforma di trading online, poiché l’analisi di questi contenuti rappresenta il principale modo per capire e leggere l’andamento del mercato del Forex e degli altri mercati azionari.

Il grafico è lo strumento su cui si focalizza l’analisi tecnica, in quanto consente all’analista di potersi fare un’idea immediata dell’andamento del mercato del Forex e dei mercati mostrando il dato più importante nel trading, ovvero il prezzo.
Analizzando il cross valutario su un grafico a barre o a candele si può infatti capire fin da subito l’andamento del prezzo nel momento in cui stiamo investendo e anche comprenderne lo storico.

Nei grafici infatti, indipendentemente dalla loro tipologia, viene riportato l’andamento del prezzo di uno specifico strumento finanziario o di una valuta.
Attraverso la lettura di questo dato si possono quindi interpretare figure di continuazione o inversione, nonché capire gli andamenti futuri del mercato.

Tra le principali tipologie di grafici per il Forex troviamo:

  • il grafico a Linee: rappresentato da una linea continua che collega i prezzi di chiusura e consente di leggere l’andamento del prezzo nel corso del tempo;
  • il grafico a Barre: più complesso rispetto a quello al grafico a Linea, mostra contemporaneamente i prezzi di apertura e chiusura di una determinata valuta;
  • il grafico a Candele: simile al grafico a Barre, ma maggiormente indicato a chi si affaccia per la prima volta al mondo del Forex, poiché caratterizzato da una grafica più intuitiva.

Di seguito vediamo nel dettaglio quali sono le caratteristiche delle varie tipologie di grafici del Forex (a Linee, a Barre e a Candele), come analizzarle e qual è la loro utilità.

Grafici del Forex, grafico a Linee: caratteristiche e a cosa serve

Tra i tre tipi di grafici del Forex citati in precedenza, il grafico a Linee è quello che a prima vista appare come il più semplice e intuitivo. Il grafico a Linee raffigura una linea che collega i prezzi di chiusura di una determinata coppia di valute in base al periodo temporale preso come riferimento.

Il grafico a Linee permette all’analista di tenere sotto controllo l’andamento generale dei prezzi, offrendo inoltre un’indicazione visiva sui punti di massimo e di minimo raggiunto dall’asset preso in analisi.
Per queste sue caratteristiche il grafico a Linee viene considerato uno strumento utile per farsi un’idea veloce sull’andamento di un determinato strumento finanziario, ma risulta poco utile se si vuole procedere a un’approfondita analisi tecnica.

Grafici del Forex, a Barre: caratteristiche e a cosa serve

Il grafico a Barre per certi versi riprende il concetto del grafico a Linee a cui vengono però aggiunte ulteriori informazioni riguardanti i prezzi. Il grafico a Barre, come lascia intendere il nome, è composto da una serie di barre ognuna delle quali rappresenta rispettivamente: prezzo di apertura; prezzo di chiusura; valore minimo e massimo raggiunto.

Questa particolare tipologia di grafico, rispetto a quella molto più scarna ed essenziale rappresentata dal grafico a Linee, fornisce un maggior numero di informazioni sul mercato, aiutando a leggere più nello specifico l’andamento dei prezzi.

Nel grafico a Barre l’andamento del prezzo di apertura e chiusura è rappresentanto rispettivamente dalle barre orizzontali a sinistra e destra, mentre il punto più alto e quello più basso fotografano rispettivamente il minimo e il massimo raggiunto dal prezzo dall’oggetto preso in analisi.

Grafici del Forex, a Candele: caratteristiche e a cosa serve

Il grafico a Candele è il tipo di grafico utilizzato maggiormente dai trader, in quanto in grado di fornire un quadro molto esaustivo sull’andamento di un certo mercato.

Il grafico a Candele non è molto diverso rispetto a quello a Barre per quanto riguarda le informazioni che fornisce, ma presenta molte diversità nell’aspetto grafico.
La differenza principale è rappresentata dalla formazione di una barra verticale che illustra la differenza tra prezzo di apertura e prezzo di chiusura.

Affinché le informazioni espresse dal grafico a Candele possano apparire più intuitive e immediate viene fatto un uso molto marcato dei colori. I colori più utilizzati sono il verde e il rosso, che a volte possono essere sostituiti da blu e rosso o da bianco e nero.

Quando il prezzo di apertura si attesta inferiore rispetto a quello di chiusura la candela assumerà la colorazione verde, viceversa quando il prezzo di chiusura sarà inferiore rispetto a quello di apertura la candela apparirà di colore rosso.

Ogni candela è formata da un corpo e da due ombre. Quest’ultime indicano in particolare il valore minimo e massimo raggiunto nel periodo rappresentato dalla candela. Tra le tre tipologie di grafici appena descritti questo a Candela è sicuramente il più esaustivo e completo.

Strategia di trading basata su supporto e resistenza: ecco come funziona

Grafici del Forex: quali scegliere?

Come già detto in precedenza i grafici rappresentano lo strumento principale con il quale il broker può produrre un’analisi tecnica di un determinato mercato e strumento finanziario.

Alla domanda “quale grafico del Forex scegliere?” non è possibile dare una risposta assoluta, in quanto ogni particolare grafico si adatta a diversi tipi di esigenze. L’importante per il trader è avere chiaro quale tipo di informazione egli cerca di ottenere.

Le tre tipologie di grafici sopra analizzate mostrano enormi differenze:
per un’analisi veloce è consigliato fare riferimento al grafico a Linee e per avere una fotografia più dettagliata è indicato l’utilizzo di un grafico a Candele.
La tipologia di grafico sarà quindi scelta in base allo specifico piano di trading e agli obiettivi che si è posti.